Valutazione dello Stress da Lavoro Correlato - Metodo ASS

626 Toolbox - Stress
(Valutazione dello stress da Lavoro correlato - Metodo ASS)

Clicca qui per accedere alla Demo Gratuita

Il modulo permette di valutare in maniera analitica i rischi collegati allo stress da lavoro correlato negli ambienti di lavoro secondo quanto stabilito dall'art. 28, comma 1 del D.Lgs. 81/08 attraverso l'applicazione di un algoritmo di calcolo paragonabile all'accuratezza del metodo "I.R.P." (Inventario dei Rischi Psicosociali).

Il metodo di calcolo è inoltre in linea anche con le indicazioni sottoscritte nell'accordo Europeo dell'8 ottobre 2004, con le linee guida emanate dall'Agenzia Europea per la sicurezza e le buoni prassi diffuse dall'INAIL e dall'ISPEL.

Il software prevede:

  • due metodologie di analisi differenti in funzione della complessità del rischio da analizzare
  • percorsi guidati interattivi per semplificare la compilazione della valutazione
  • la generazione rapida dei questionari da distribuire ai lavoratori
  • l'elaborazione automatica dei questionari raccolti in formato Excel
  • la stima analitica del rischio
  • le misure tecnico/organizzative da adottare, etc.

Per la valutazione dello stress da lavoro correlato è disponibile anche 626 Toolbox - Stress ISPESL che utilizza il metodo proposto dal "Network Nazionale ISPESL per la Prevenzione del Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro" basato sulla compilazione di semplici liste di controllo.

CD 626 Suite - Valutazione dello Stress da Lavoro Correlato
626 Suite - Schermata Rischio Stress da Lavoro Correlato di 626 Express

 

Caratteristiche

rischio stress da lavoro correlato

Il modulo permette di valutare in maniera analitica i rischi collegati allo stress da lavoro correlato negli ambienti di lavoro secondo quanto stabilito dall'art. 28, comma 1 del D.Lgs. 81/08 attraverso l'applicazione di un algoritmo di calcolo paragonabile all'accuratezza del metodo "I.R.P." (Inventario dei Rischi Psicosociali).

Prova la demo on-line è gratis!

Il metodo di calcolo è inoltre in linea anche con le indicazioni sottoscritte nell'accordo Europeo dell'8 ottobre 2004, con le linee guida emanate dall'Agenzia Europea per la sicurezza e le buone prassi diffuse dall'INAIL e dall'ISPEL.

Il software prevede la somministrazione collettiva di questionari anonimi ma non esclude l'elaborazione individuale pur rispettando sempre quanto previsto dal D.Lgs. 196/03 sulla tutela della privacy.

I questionari vengono utilizzati per registrare le risposte di gruppi di persone all'interno di quattro aree ben definite:

  • le fonti di stress
  • le caratteristiche dell'individuo che possono provocare esperienze legate allo stress
  • le strategie di coping
  • gli effetti dello stress a livello individuale e organizzativo

Le risposte ai questionari possono essere analizzate automaticamente dal software (sia complessivamente sia in dettaglio) per far fronte alle diverse esigenze dell'azienda, evidenziando inoltre anche in forma grafica gli indici di stress calcolati.

Le informazioni raccolte (sempre in forma anonima) possono essere poi trasferite dal software in un piano d'azione pratico, volto alla compilazione automatica del piano di miglioramento.

Il software è in grado di valutare in maniera analitica i seguenti rischi:

  • Rischi di natura PSICOLOGICA
  • Rischi di natura FISIOLOGICA
  • Rischi di natura COMPORTAMENTALE

Inoltre la valutazione può essere fatta:

  • per singola azienda
  • per mansioni
  • per fasi o aree di lavoro
il software valuta in automatico le risposte dei questionari

Per la valutazione dello stress da lavoro correlato è disponibile anche 626 Toolbox - Stress ISPESL che utilizza il metodo proposto dal "Network Nazionale ISPESL per la Prevenzione del Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro" basato sulla compilazione di semplici liste di controllo.

Per aziende fino a 50 dipendenti è disponibile anche 626 Toolbox - Stress ISPESL HSE che si basa sui modelli dei Management Standards britannici.