626 Toolbox - Lavoratrici Madri

626 Toolbox - Lavoratrici Madri
(Valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici madri)

Clicca qui per accedere alla Demo Gratuita

Il modulo permette di effettuare la valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici in gestazione, post-parto, in allattamento o madri adottive/affidatarie secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 151/01 e dall'art. 183 del D.Lgs. 81/08.

Il software per singola lavoratrice (tramite semplici percorsi guidati) identifica i fattori potenziali di rischio, le eventuali attività vietate, i fattori di rischio suddivisi fra chimici, fisici, biologici, movimentazione dei carichi, posture, stress, etc. Infine, a seconda del livello di rischio calcolato, il modulo gestisce in automatico anche le misure di tutela da adottare per ogni singola lavoratrice esposta.

 

Caratteristiche

626 Suite - Schermata Lavoratrici Madri di 626 Express

 

 

626 Suite - Schermata Lavoratrici Madri di 626 Express

 

 

626 Suite - Schermata Lavoratrici Madri di 626 Express

La gravidanza è un aspetto della vita quotidiana e pertanto non deve essere considerata come una malattia. Risulta quindi naturale che la normativa tuteli in modo preciso la lavoratrice nel luogo di lavoro durante la gestazione, nel post-partum e nel periodo di allattamento.

Prova la demo on-line è gratis!

Il software effettua pertanto una valutazione dei rischi specifica ai fini della tutela delle lavoratrici madri secondo le modalità previste dal D.Lgs. 26 marzo 2001 n. 151 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità a norma dell'art. 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53".

Il modulo prende in esame tutti gli aspetti dell'attività lavorativa per identificare i pericoli e le probabili cause di lesioni (o danni) e stabilisce in quale modo tali cause possano essere rimosse, in maniera tale da eliminare (o ridurre) il rischio per la lavoratrice in esame.

La valutazione del rischio effettuata dal software comprende tre macro-fasi:

  • l'identificazione delle categorie a cui la lavoratrice appartiene (es. lavoratrici gestanti, puerpere, lavoratrici in periodo di allattamento, lavoratrici madri adottive e/o affidatarie) e identifica con precisione la mansione a cui la lavoratrice è effettivamente adibita;
  • l'identificazione dei pericoli a cui la lavoratrice può essere sottoposta durante l'attività lavorativa (es. rischi da agenti chimico-fisici e biologici, rischi dovuti a particolari attività svolte, problemi posturali, fatica psicofisica, ecc.);
  • la valutazione effettiva del rischio in termini qualitativi e quantitativi

Una volta identificati i rischi, il software stabilisce se questi rischi rientrano tra quelli considerati pregiudizievoli per la salute della lavoratrice madre e del bambino.

Se questi rischi sono compresi negli allegati A e B del D.Lgs. 151/01, le attività svolte dalla lavoratrice rientrano tra quelle vietate, mentre se sono comprese nell'allegato C queste attività devono essere oggetto di un'ulteriore valutazione in termini qualitativi e quantitativi.

Se da tale valutazione emergono situazioni a rischio, il software individua in automatico le misure di protezione e prevenzione da adottare (ad esempio: una diversa organizzazione del lavoro, la modifica dell'orario di lavoro, il cambiamento temporaneo della mansione, ecc.).